JSAT

Jail Screening Assessment Tool

Tonia L. Nicholls, Ronald Roesch, Maureen C. Olley, James R.P. Ogloff e James F. Hemphill

Uno strumento di screening psicologico in ambito forense e penitenziario

AccediAccedi o Registrati per aggiungere i prodotti al carrello
Acquista prodotto
94294W - 1 Libretto intervista con modulo fotocopiabile
€ 50.00 Prodotto disponibile Carrello Acquista
94353L - 1 Kit 1 JSAT + 1 SAMI
€ 90.00 Prodotto disponibile Carrello Acquista

* IVA assolta dall'Editore solo per i prodotti contrassegnati con asterisco

DESCRIZIONE

Il JSAT è uno strumento standardizzato di prima valutazione del soggetto in ambito penitenziario che può essere somministrato non solo per uno screening del detenuto al momento dell’ingresso nell’istituzione penitenziaria (servizio nuovi giunti), ma anche per costruire un percorso trattamentale della persona durante tutta la carcerazione, al fine della rilevazione periodica dei suoi bisogni e del suo stato mentale. Il JSAT è un’intervista che ben si applica sia alla popolazione maschile che femminile, sia a quella adulta che minorenne. Il suo scopo è di valutare il livello attuale di funzionamento del soggetto (almeno nell’ultimo mese), predire un livello di adattamento psicologico all’interno dell’istituzione, identificare i bisogni psicologici reali del soggetto e segnalare tutti coloro che necessitano di cure particolari, o che sono a rischio di violenza, suicidio o vittimizzazione, al personale di custodia e ai professionisti della salute mentale.
L’utilizzazione del JSAT rappresenta il punto di partenza di un assessment globale sulla salute mentale del detenuto e può costituire uno strumento capace di individualizzare un percorso di cura e trattamento del soggetto all’esterno del carcere, ad esempio nelle strutture assistenziali presenti sul territorio.

STRUTTURA

L’intervista verte sui punti seguenti seguenti:

• informazioni sociodemografiche;
• situazione giuridica;
• comportamenti violenti;
• background sociale;
• uso di sostanze;
• trattamenti psichiatrici;
• rischio suicidario/autolesionismo;
• condizioni mentali (basate sulla griglia BPRS Expanded version 4.0);
• gestione del rischio.

Le domande sono poste nell’ordine in cui si trovano nel foglio di codifica (situato in fondo al libretto e fotocopiabile) e sono strutturate in modo tale da assicurare: il massimo dettaglio e la cooperazione; l’efficienza, in modo da valutare velocemente anche quei soggetti che non hanno bisogno di ulteriori approfondimenti diagnostici; la validità e l’affidabilità (le domande da generali divengono sempre più specifiche lungo tutto il tempo della valutazione); la gestione del rischio, con le indicazioni pratiche di gestione del caso (collocazione del soggetto, tipologia di trattamento individualizzato). Il libretto, di 80 pagine, riporta un campione fotocopiabile del foglio di codifica, immediatamente utilizzabile.

CARATTERISTICHE CHIAVE

• Facilita la valutazione del rischio di disturbo mentale durante il colloquio.
• Rileva fattori di rischio del suicidio.
• Approccio multidimensionale centrato sulla personalità nell’interazione con i fattori ambientali.
• Somministrazione rapida.
• Permette una seconda o terza somministrazione per valutare l’evoluzione del soggetto.
• Applicabile nelle carceri, ma anche nelle comunità residenziali e nei colloqui forensi.

È UTILE PER

Il JSAT è uno strumento di valutazione per tutta la popolazione detenuta, utile per lo psicologo e lo psichiatra carcerario, per l’esperto ex art. 80, legge 26 luglio 1975, n. 354 (l’operatore penitenziario addetto alla attività di osservazione e trattamento), per l’educatore e per l’assistente sociale.
Questo strumento è utile anche per monitorare la persona durante la sua esperienza detentiva e per vedere se vi siano stati cambiamenti significativi nei fattori di rischio legati a disturbo mentale, violenza, suicidio e vittimizzazione.
Il JSAT offre un criterio standardizzato di intervista che ben si presta a essere applicato non solo nel settore penitenziario ma anche in quello forense più esteso; può servire, ad esempio, come strumento di intervista preliminare nelle consulenze psichiatrico-forensi (quando, ad esempio, si valuta la imputabilità o la pericolosità sociale del soggetto indagato) e per fare un’anamnesi dettagliata, anche in ambito minorile, da parte degli operatori del servizio sociale e degli psicologi e assistenti sociali del territorio. 

B1 Categoria di acquisto B1: Logopedisti, Terapisti, Educatori, Tecnici riabilitazione, Infermieri, Pedagogisti cl., Assistenti soc.
Qualifica richiesta

Data di pubblicazione: 2011

Edizione italiana: Silvio Ciappi

Destinatari: Detenuti e soggetti in restrizione di libertà, ospiti di comunità terapeutiche, adulti e minorenni

Somministrazione: 15’- 20’ ca.
Individuale

CL043 - SAMI

SAMI
Per la valutazione del rischio di suicidio in contesti penitenziari

In collaborazione con

Mental Health, Law & Policy Institute (MHLPI), Simon Fraser University, Canada




Findomestic per pagina prodotti 280

Spese di spedizione